Arbitrarieta'e imprecisione nel linguaggio

Authors

  • Robert A. Hall Cornell University Ithaca

DOI:

https://doi.org/10.4312/linguistica.31.1.25-29

Keywords:

Arbitrarieta'e imprecisione nel linguaggio

Abstract

In queste citazioni si rispecchiano gli estremi di due punti di vista opposti con­ cernenti il rapporto tra illinguaggio e Ia realtà non linguistica. L'approccio  di colo­ roche, come Diodoro e Roger Price, credono che le forme linguistiche abbiano si­ gnificati precisi e inalterabili, si definisce normalmente "convenzionalistico",  giac­ che si presume che I 'uso del linguaggio segue regole e convenzioni che permettono poca o nessuna variazione. Dei due approcci, questo è più vecchio ed è alia base del­ le prescrizioni della grammatica e della lessicografia accademiche. L'opinione  del grammatico  stoico Crisippo, secondo Ia quale ogni fenomeno linguistico sarebbe polisemico, è assai meno diffusa tra gli studiosi dellinguaggio. Gli estremisti di que­ sta scuola sostengono che nessuna manifestazione dellinguaggio abbia un significa­ to preciso o un rapporto  qualsiasi con il mondo reale e che, per conseguenza, illin­ guaggio si riferisca unicamente a sé stesso. Questa dottrina  ha le sue radici nello "scetticismo radicale concernente illinguaggio" espresso da John Locke nel suo Es­ say Concerning Humane Understanding del 1690, ed è stata esumata nella seconda meta del Novecento dal gruppo parigino dei Telqueliens come Jacques Derrida, Ro­ land Barthes, Julia Kristeva e i loro seguaci.

Downloads

Download data is not yet available.

Downloads

Published

1. 12. 1991

Issue

Section

Articles

How to Cite

Hall, R. A. (1991). Arbitrarieta’e imprecisione nel linguaggio. Linguistica, 31(1), 25-29. https://doi.org/10.4312/linguistica.31.1.25-29